Tutto male finché dura: Zardi ce l’ha fatta di nuovo a strapparmi alla mia giornata

Vi ricordate quando sono stata a quella serata dove scrittori bravissimi leggevano cose bellissime? –qui, per dirvi-. Un episodio in cui avevo comprato il libro per la Feltrinelli, di Paolo Zardi: Tutto male finché dura.

Benissimo. Quel giorno l’ho preso, me lo sono fatta autografare con dedica. Mi sono fermata lì? No. L’ho letto. Nel giro di pochissimo tempo.

Tutto male finchè dura: appena comprato, ero già a pagina 26

Read Beauty And The Beast GIF by Disney - Find & Share on GIPHY

Un fenomeno strano a pensarci: com’è possibile che, cinque secondi dopo aver ritirato lo scontrino, fossi già arrivata così avanti? E’ l’effetto Paolo Zardi. Impossibile resistere.

E’ tipo quando ti trovi di fronte a un all you can eat: non sai come, non sai quando, ma hai già accumulato venti giri di primo-secondo-dolce in due secondi.

Sei pieno. Ma non ti fermerai. 

Una famiglia particolare

Mi sono trovata dentro una casa con due sorelle, un’artista e una geniale, con una mamma normalmente incasinata. Alla ricerca di una relazione che la possa liberare dal fantasma del primo marito.

Primo marito di cui nessuna donna può davvero liberarsi, perché è adorabilmente un casino. Anche questo uomo di Zardi, come spesso mi è già accaduto leggendo i suoi romanzi, è formalmente un disastro.

Non gli affiderei un cactus in mezzo al deserto.

Però gli regalarei senz’appello il mio cuore.

Finendo misera come Marta

La moglie che cresce su due figliole davvero eccezionali. Perché, una normale adolescente e una normale ragazzina, non potevano nascere da un padre che aiuta a fabbricare bombe e si inserisce con scioltezza nelle chat erotiche.

Ho seminato abbastanza indizzi per stimolare la noia quotidiana?

Excited My Neighbor Totoro GIF - Find & Share on GIPHY

Tutto male finché dura mi dà speranza

Perché è una di quelle storie in cui sai che può solo finire male –forse anche peggio di come stai pensando– ma, in fondo, tutti ce la fanno. Sono tutti in gamba, anche quando toccano il fondo.

Quindi, se la cavano. Senza soldi, ricercati, con la minaccia di morte e della galera. Se la cavano anche quando un padre è disposto a rubare i soldi di sua figlia.

Cioè: la cosa incredibile è che non ce la fai proprio a giudicare. Non ce la fai a incazzarti. Non riesci neppure ad avere paura.

Perché, non sai come, non sai perché, ma sai che non può essere una sconfitta reale. Ma ci si rialza. 

Anche senza gambe.

Never Give Up GIF - Find & Share on GIPHY

Quindi: Zardi, grazie

Insomma, c’è sempre bisogno di quel libro che ti mette davanti situazioni sempre più impossibili, e che poi te ne tirano fuori. Sembra così che, quando ti alzi il lunedì mattina, le pratiche da sbrigare, la routine, qualsiasi cosa… si possa prendere col sorriso.

Water Smile GIF - Find & Share on GIPHY

Libro di giugno inoltrato. “La passione secondo Matteo”

Il calendario dei libri si nutre ancora una volta di un pasto da re. Il libro di giugno ha il titolo già importante. Ormai il nostro calendario è diventato una specie di gourmet, di quelli che se gli dai da leggere 50 sfumature di grigio, fa lo schizinoso.

che pessimo, pessimo calendario.

Libro di giugno: “La passione secondo Matteo

Libro di giugno che semo alla fine di sto mese caldo-e poi freddo e poi caldo e poi freddo e poi, che mi piove sempre e dico SEMPRE in testa– firmato da niente po po di meno che Paolo Zardi (intervistato qui)

Un romanzo che ho voluto comprare a tutti i costi e di cui si è parlato molto in questi mesi che è uscito.

Che cosa penso di questo libro di giugno

Penso soprattutto che mi abbia colpita un po’ troppo. I personaggi che Zardi ha messo su, quando ti pigliano come hanno fatto col mio apparato digerente… beh… forse hai qualcosa che non va.

Nel senso che i protagonisti di questa storia sono sostanzialmente tre, presentiamoli:

Lui, Matteo, una specie di stackanovista letteralmente tutto casa e chiesa. Ha un grosso GROSSO conto in sospeso col babbo. (qualcosa che si colloca allo stesso livello di Luke Sky Walker  e Darth Vader) (ma senza effetti speciali e aspirapolveri al posto dei polmoni). Non s’è fatto prete perché non aveva le palle. Ma ha avuto le palle di fare roba un po’ più “pesa”…di cui non vi parlerò perchè poi mia sorella c’ha ragione che sono una stronzissima macchina da SPOILER.

Lei, Giulia, sorella stra figa stra sexy stra artista stra convinta stra impulsiva. Troppi stra. Avete letto bene. E, come tutte le “stra” non è che prometta proprio benissimo.

The BABBO.

Dancing GIF - Find & Share on GIPHY

Quello che, come sempre e per sempre, ha la responsabilità di aver storto i figli in maniera tale che poi, tornare indietro, è impossibile. Ah, è malato. Ah. Tipo molto malato.

Il libro di giugno mi ha parlato di una malattia neurologica degenerativa

Per chi mi conosce, sa già che deve essermi piaciuto leggerlo tipo quando mangi il wasabi: figo, intenso, un sapore che ti stordisce.

Ma. CAZZO.

Per chi non mi conosce: ho motivi precisi, personali, che non vi dirò, per cui malattia neurologica degenerativa+conflitti paterni= BOOOOOOOM

Se il tutto poi è scritto come sa fare Paolo Zardi, cioè con la delicatezza di un giovane giapponese che sfiora l’indice della ragazza che ama segretamente da anni…

Non c’è che dire. Well done.

La passione secondo Matteo non ti lascia molta scelta

Gli uomini che si muovono tra le pagine si impegnano in tutti modi a farti sentire uno di loro. Facile. Perché sono descritti così bene che esistono. Viaggi anche tu con loro, ti senti in colpa con loro, ami e non senti niente con loro.

A volte vorresti squoterli un po’.

Ma poi sei indulgente come lo saresti con te stesso.

Conclusione: non è stato un caso social che poi si è rivelato un flop

Questo libro di giugno vi auguro proprio di leggervelo bene

Non è forse una lettura da mare. Ma d’estate non si va solo in spiaggia. Di sera, quando la malinconia vi prende per una ragione a random. Coccolate il vostro mostro interiore, con un romanzo bello spesso.

libro di giugno