Virgin non è mica una nuova malattia sessualmente trasmissibile (o è peggio?)

Ieri ho bevuto un Virgin Mojito si scrive così? ste robe aspirate confondono– e l’ho trovato molto buono. Prima che anche quel poco di zucchero e gas mi finisse nello stomaco provocandomi dolore, ho pensato che, esser felici per un analcolico, fosse un problema.

Un problema per me? O un problema per gli altri?

Virgin: la parola che ti segna sin dalla pre-adolescenza

Essere vergine è una tara che qualsiasi ragazz* si porta appresso assieme a brufoli e sbalzi d’umore. Vi ricordate quella sensazione di imbarazzo quando passavano in tv delle scene di sesso e voi sapevate solo che volevate sparire nel terreno?

Spongebob Hiding GIF - Find & Share on GIPHY

Di sesso non sapevamo un tubo –fino a quel momento inaspettato in cui, è successo – tranne che non era una cosa che avevamo ancora fatto. Di sesso io avevo un po’ paura a parlarne, perché, appunto, ero vergine.

Ed era un problema per tutti quelli che mi stavano attorno. Sia per chi aveva già frugato nelle mutande non sue; sia per chi sguazzava nel mio stesso pallido vuoto sessuale.

Come se un po’ si moltiplicasse un difetto.

Loop GIF - Find & Share on GIPHY

Virgin è la versione inglese, ma non fa mica più figo

Crescendo poi, ci siamo liberati di questa benedetta prima volta. L’imene è stato infranto, così come molti altri tabù sotto le lenzuola –si fa per dire, i più tra noi si sono accontentati di un sedile scomodossimo

Mi sono liberata di un brandello di carne che ingombrava la mia esistenza relazionale. Mi sono aperta. In tutti i sensi. Finalmente le scene di sesso, non avevano più potere su di me o su chi mi stava accanto.

Nothing Like The Holidays Nun GIF - Find & Share on GIPHY

Finchè mi sono imbattuta in un altro tipo di verginità sociale. Ed è quella dell’alcol. Non sono la sola persona astemia al mondo. Spesso, chi non beve, lo fa perchè è costretta da qualcosa.

Ed ecco che i menù degli aperitivi diventano problematici. Anzi, gli stessi aperitivi diventano problematici.

Le persone sentono “Virgin” e pensano: strana forte

Ordinare l’acqua è comunque un’opzione che fa saltare i nervi dei gruppi di bevuta. All’ennesima domanda posta in tono compassionevole -“perché non bevi?– mi sono chiesta: ma a voi, che per altro ve lo state godendo alla facciaccia mia sto Spritz, che cosa cambia?-

Kate Winslet Iris GIF - Find & Share on GIPHY

Una volta che mi sono arresa io al fatto di dover bandire l’alcol dalla mia dieta, perchè gli altri si sentono in difficoltà se resto col bicchiere vuoto?

Mi parlano come un mistero da risolvere a tutti i costi. Sperano che io sia un’ex alcolista? E, soprattutto, se rispondessi: sono un’ex alcolista, non sarebbe un disastro per l’interlocutore?

Ancora non sono giunta ad una vera spiegazione

Awkward New Girl GIF - Find & Share on GIPHY

Questa esigenza del branco di condividere a tutti i costi la quantità alcolica io ancora non l’ho ben compresa appieno. Mi appello agli altri miei compagni astemila ragione a me frega davvero poco– per comprendere questo fenomeno antropologico.

Quello per cui, se non ingurgiti della birra dopo il lavoro, allora sei da compatire e un po’ da guardare con sospetto.

Io ricordo con affetto il tempo in cui potevo godermi un Ugo. Ma, le cose sono cambiate. Possiamo non farne una tragedia?

Virgin è buono uguale. 

Keanu Reeves Thumbs Up GIF - Find & Share on GIPHY

Perché certe cose non cambiano mai e, da qualche parte, un senso esiste

Per una piccola persona come la sottoscritta, che ha passato anni a covare nel proprio cantuccio umili sogni di gloria come

1- pubblicare il proprio romanzo

2- esser considerata scrittrice

3- incontrare gli autori che ho amato

Partecipare agli eventi letterari, fa effetto sveglia dall’automatismo quotidiano. Quella parte di me che ancora non ha mollato, esce dal coma. Il contesto del miracolo è Gogol&Company, una libreria/locale/ritrovo/rifugio che è difficile non amare subito e perdutamente.

Leggi tutto “Perché certe cose non cambiano mai e, da qualche parte, un senso esiste”

Un euro per i tuoi pensieri (o anche meglio: oltre ai capelli platino, che capita?)

La mia sparizione deve aver turbato parecchi spiriti tra coloro che vivono appresso alla dose settimanale di Simonetta. –peròcredici– Poi, per carità, la pigrizia è sicuramente qualcosa che mi contraddistingue in quanto ibrido tra bradipo e essere umano… però delle cose sono successe. Niente di che, solo che ho scelto altre vie per rompere i coglioni affrontare la comunicazione.

Screaming Twin Peaks GIF by HULU - Find & Share on GIPHY

Leggi tutto “Un euro per i tuoi pensieri (o anche meglio: oltre ai capelli platino, che capita?)”

La iazza boreale, alta infedeltà, i rotoli sulla pancia: la ricetta della (in)felicità

Siamo a Milano. Vengo a conoscenza di un fatto sconcertante (issimo): questi giorni farà un freddo boia. Io mi piazzo su la mia dose quotidiana di altà infedeltà, mentre le ultime crostatine di cioccolato mi si accumulano direttamente sul culo. Il grido interiore del mio cervello che vuole ignorare la iazza boreale che ha predetto quella sciamana del meteo.

Non c’è più religione. A pranzo c’ho pilates. Che scintille. Che faville.

White Baby Animals GIF - Find & Share on GIPHY

Leggi tutto “La iazza boreale, alta infedeltà, i rotoli sulla pancia: la ricetta della (in)felicità”

Sopravvissuti a San Remo e San Valentino. Troppi santi su questa terra

Avete presente quando Romero faceva pronunciare la sua battuta storica “quando all’inferno non ci sarà più posto, i morti cammineranno sulla terra“. Ecco più o meno così è come vorrei esordire questo fantastico post, post-apocalittico, post-Sanremo, post- San Valentino.

Leggi tutto “Sopravvissuti a San Remo e San Valentino. Troppi santi su questa terra”

Patrick Swayze è il mio mentore assoluto. Nel senso che sono super esperta di fantasmi

Oh grande Patrick Swayze, che la mia migliore amica è profondamente convinta che tu sia comparso in numerosissimi film come Grease e Save the last dance. (mentre ignora che hai recitato davvero in un ruolo poco nobile in donnie Darko)

Leggi tutto “Patrick Swayze è il mio mentore assoluto. Nel senso che sono super esperta di fantasmi”

Desiderio per l’anno nuovo: money money money (must be funny in a richmen’s world)

Ok. Cominciamo con questa citazione coltissima agli Abba. Voglio parlare di questo mio nuovo desiderio tutto pio che San Francesco mi sta applaudendo da dietro.

No

Leggi tutto “Desiderio per l’anno nuovo: money money money (must be funny in a richmen’s world)”

Domenica e Natale sto giro, coincidono: sta per esplodere l’universo mondo? (As we know it)

Se la risposta a questa domanda è “Sì, lo avevano predetto i Maya per questo Natale”… Beh, allora, mi auguro che tutti magnino più pandoro possibile.

Mariah Carey Dancing GIF - Find & Share on GIPHY

Leggi tutto “Domenica e Natale sto giro, coincidono: sta per esplodere l’universo mondo? (As we know it)”

La mia incredibile passione per il pelo sintetico (che parta pure l’immaginazione)

Ce lo dice ogni giorno la signorina del meteo a maniche corte. Lo vediamo fuori dalle finestre appena alzati. Lo sentiamo sui polsi scoperti dalle giacche. Fa freddo. Sono famosa per esser freddolosa in maniera patologica. Mi sembra quindi solo una conseguenza, il fatto che io ami trasformarmi in una pelliccia.

Leggi tutto “La mia incredibile passione per il pelo sintetico (che parta pure l’immaginazione)”

Dedicato ad A. Una che nelle foto usciva sempre male

Oggi è una giornata un po’ particolare. Mi sono svegliata all’alba per infilarmi in un taxi. Poi in un pullman, poi su un aereo. Il tutto, perchè dovevo salutare A.

A. è un nome che oggi voglio ricordare

Un ricordo che è così forte che quasi si trasforma in un abbraccio. Solo che A. non è qui. Cioè, lo è, ma non lo è. Strana cosa esser protagonisti senza presenziare. 

Ma se oggi fosse qui, sarebbe vestita bene. Sarebbe truccata con un po’ di rossetto e le guance arrossate dal fard della figlia. Con un braccialetto tiffany e, soprattutto, una voglia di vivere esuberante.

Quasi, maleducata.

A. è quella che mi ha scaricato per strada quando ero adolescente

Al liceo, dopo dei terribili colloqui, aveva abbandonato me e mia sorella un po’ in mezzo al nulla, perché doveva far due parole con sua figlia.

All’epoca l’avevo preso come un chiaro segnale che sarebbe stata sempre guerra tra me e lei. E quanto mi sbagliavo. Ancora non potevo saperlo, che avremmo passato delle ore a guardare la tv spazzatura nel suo salotto.

Non potevo sapere che avremmo mangiato zucchine più o meno ogni volta che ci incontravamo.

A. è diventata con una costanza silenziosa, un po’ una mamma.

Una maldestra in cucina. Che sbagliava le ricette. Bruciava le torte. Faceva gestacci nelle foto. Teneva la porta aperta sempre a me e persino ai miei amici. E poi ai miei malumori, alle mie confidenze stupide, ai miei bisogni di fuga.

Ogni volta che sono sulla cattiva strada, provo a sentire la tua voce che mi manda a fanculo.

A. oggi sono qui e stringo la mano alle tue figlie. Quelle vere.

E so che posso ritrovarti, proprio lì.