Grande Nudo, Grande Libro, Grande Gianni, Grande Recensione

Grande Nudo: ci vuole una grande penna per un grande libro.

Grande Nudo: la parola chiave mi pare sia GRANDE.

le dimensioni non sono importanti

E così vi ho già dato un GRANDE aiutino per capire la mia opinione sul libro. Il calendario del 2017 si apre alla GRANDE

ok… forse devo diminuire le ripetizioni, ma ci stavo pure prendendo gusto– –nel senso che potrei continuare così per tutto il post

Questa è una recensione sentita sentitissima: per cui sentitela bene assieme a questa canzone in sottofondo.

Di che parliamo quando parliamo di Grande Nudo:

Beh, innanzitutto potete dare una sbirciatina qui, dove ci siamo io e il Tetti che chiacchieriamo e fingiamo di fare un’intervista seria.

Scoprirete che Grande Nudo è uscito lo scorso mese, è l’ultimo figlio di Gianni Tetti e la sua musa, e che voi quindi siete già in ritardo sugli acquisti intelligenti del 2017.

Però.

Il bello di questo vostro ritardo è che è RIMEDIABILE.

Grande Nudo: è il titolo di un porno? è il titolo del prossimo film di Sorrentino?

No. Niente di tutto ciò.

Grande Nudo è innanzitutto un libro che vi piglia a colpi nello stomaco senza pensare troppo al vostro respiro corto. È quel dolore che vi fa stare da Dio, tipo quando vi fate la famosa croce con le unghie su una puntura di zanzara.

È quella storia che avete letto tutti i giorni sul quotidiano locale, ma scritta bene. Quel film di Tarantino che vi schizza sangue addosso, senza sporcarvi. Quel raptus che vi fa sognare un intero cortometraggio di voi che picchiate a morte chi vi ha girato le balle, evitando la prigione.

Grande Nudo è la trama sui vicini di casa troppo educati che scopano a voce bassa solo la domenica pomeriggio. Ci sono disoccupati che si prostituiscono, si innamorano, si ammazzano – un Pretty Woman senza lieto fine Star della tv coperte di lattex e vergogna. Nostalgici di cani ed esplosioni di epidemie dagli occhi gialli.

Apocalisse, Cannibalismo, Sesso.

Tre succosi ingredienti che riscaldano le budella in questo gelo invernale. Sono quasi 700 pagineche ti spaventano come al liceo quando prendevi in mano il vocabolario per le versioni di latinoma non lo sono per davvero.

Grande Nudo è una Bibbia che scorre veloce e che puoi capire senza che un prete te la spieghi. Perché? Perché tutto quello che ci trovi scritto, l’hai già pensato.

e non lo ammetteresti mai

Sta lì il vero fascino delle parole di Gianni: una specie di filastrocca distorta per adulti, che fa appello ad una storia molto antica, quanto noi. E ti dice: siamo animali, solo animali, possiamo lasciarci andare.

Che male c’è?

Ci dice Gianni.

grande nudo
se cliccate scoprirete come intendo io un Gianni Tetti

Grande Nudo: Aristotele e la sua catarsi ci fa una pippa.

Eh sì, perché mentre lo leggi e quando lo finisci, questo libro fa una cosa preziosa –che mica capita sempre ogni volta che apri un libroti libera. Fa tipo il fango che noi ladies ci spargiamo su entrambe le chiappe per ammazzare la cellulite: ti sporca per ripulirti.

Se siete in cerca di  un libro che vi tenga per mano e vi faccia vedere gli arcobaleni. Se avete bisogno del corrispondente di Uomini e Donne formato libro. Se la vostra urgenza è quella di tuffarvi nel mondo di frasi belline.

Lasciate perdere.

Perché Grande Nudo non è un libro carino

Grande Nudo è uno di quelli che io metterei tra i classici.

Perché, l’essere umano che ci ho trovato descritto dentro, non tramonterà mai.

Mezza-penna

Autore: Mezza-penna

Simonetta Spissu -in arte Mezza-penna- L'età non la diciamo, Il peso -davvero? volete morire?- Prostituisco ogni giorno la mia scrittura: hai bisogno di un contenuto superyeah (oh megaserious) per essere "leader del settore"? Vuoi che Google butti un occhio su di te come faccio io sul sushi all you can eat? Se mi dai spicci mi metto a scrivere. Scrivo di melanzane, di imballaggi per merci pericolose, Scrivo con tutti i semafori verdi di SEO YOAST. Faccio tutto con estrema pass-novabè- Aspetto che l'Einaudi si accorga finalmente che sono un best seller. Aspetto anche lo stipendio. Come si aspetta la chiamata di Dio. Ma nel frattempo, salto i pasti, ho il culo piatto e i lividi sui gomiti perché sto troppo al pc. Se mi somigliate, poveri voi. Siamo amici. -non troppo, che l'intimità mi spaventa- Fisicamente mi trovo a Milano. Sulla testa non saprei dire con esattezza. GUGLATE e scoprirete chi sono in tutte le mie forme, anche narrativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *