La valle delle meraviglie: che sogno vivere in montagna – ma, quando mi sveglio!?-

La valle delle meraviglie:

così la chiamano questa serie di villaggetti disseminati lungo il confine col Piemonte.

Avete mai sentito parlare di Tenda? E non valgono i riferimenti alle tende. Parlo di un luogo fisico, microscopico, che esiste per davvero con i suoi ben 2000 abitanti.

Cifre spaziali, cifre importanti

Qua ci sono finita per insegnare italianorisate dai manicomi e dall’inferno– a bambini che sono così bassi da aver una lavagna piccina picciò ad altezza hobbit.

La valle delle meraviglie, perché?

BOH, dicono su Wikipedia che sia molto bella. Lo confermerebbe anche una mia amica di Cuneo, che se l’è un po’ girata. Eh…la vita è bella quando hai un’auto. SE non ne hai una –sono io presente!– è più o meno come andare a vivere in questo posto qua.

la valle delle meraviglie
Nella quale io sono chiaramente il cane in coma al lato.

Epperò io sono tipo Heidi al contrario: mentre lei si fa pigliare dalle crisi isteriche perché non vuole stare in città, ma a masticare paglia col nonno, io -che sono sana di mente- mi lascio travolgere dalla nostalgia della città.
Non solo non sono tipa da montagna, lo ammetto, è che sono proprio una dandy del cazzo. Alla Ameliè Poulin. Simonetta ama:

  • il cemento.
  • girare per i negozi.
  • il giapponese.
  • le lunghe passeggiate sotto i portici.

Cosa si può fare a Tenda?
Non ne ho idea.

La valle delle meraviglie offre incredibili passatempi come:

  • alzarsi all’alba per trovare qualsiasi coincidenza possa connetterti con la civiltà.
  • Ci sono due parrucchieri. Mi divertirò prima o poi a metterli uno contro l’altro -non appena decido se farmi platino o rose gold-
  • A volte fanno un mercatino in cui vendono cose assolutamente accessorie tipo pigiami -E LE SCARPE DIO MIO LE SCARPE DOVE SONO, IO C’HO UNA SERIA DIPENDENZA DA SCARPE-
  • Diventare alcolisti.
  • Scrivere il romanzo della vita.
  • Aprire un blog con cui ammorbare il mondo esterno per simulare goffamente un grido d’aiuto –done

Quando ho cercato su Google “valle delle meraviglie”

ho digitato Tenda ed è uscito come suggerimento “valle delle meraviglie” e allora mi sono tutta gasata. Anche perché il Miur inizialmente mi aveva raccontato -come a tanti altri coraggiosi assistenti di italiano- la favola di esser stata spedita a Nizza. Poi c’è stato l’attentato. Poi mi hanno detto la verità: che sarei stata a Tenda e amici di campagna.

Quindi, vedendo “valle delle meraviglie” ho pensato: ottimo.

E poi?

Ma lo scopriremo nelle prossime puntate.

Per il momento, poco tempo che sono qui e già posso fare un rapido pronostico -vi regalo un’immagine celebre quanto eloquente-

la valle delle meraviglie
CIIIIIAAAO bambiniBBelli!
Mezza-penna

Autore: Mezza-penna

Simonetta Spissu -in arte Mezza-penna- L'età non la diciamo, Il peso -davvero? volete morire?- Prostituisco ogni giorno la mia scrittura: hai bisogno di un contenuto superyeah (oh megaserious) per essere "leader del settore"? Vuoi che Google butti un occhio su di te come faccio io sul sushi all you can eat? Se mi dai spicci mi metto a scrivere. Scrivo di melanzane, di imballaggi per merci pericolose, Scrivo con tutti i semafori verdi di SEO YOAST. Faccio tutto con estrema pass-novabè- Aspetto che l'Einaudi si accorga finalmente che sono un best seller. Aspetto anche lo stipendio. Come si aspetta la chiamata di Dio. Ma nel frattempo, salto i pasti, ho il culo piatto e i lividi sui gomiti perché sto troppo al pc. Se mi somigliate, poveri voi. Siamo amici. -non troppo, che l'intimità mi spaventa- Fisicamente mi trovo a Milano. Sulla testa non saprei dire con esattezza. GUGLATE e scoprirete chi sono in tutte le mie forme, anche narrativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *